Da S. Rocco di Camogli a S. Fruttuoso

Ho passato la mia infanzia sulle spiagge liguri, tra Recco, Camogli, Punta Chiappa e San Fruttuoso. Ogni estate si partiva, almeno una volta (ma potevano essere anche due) per la tradizionale gita da San Rocco di Camogli a San Fruttuoso. Allora eravamo piccole sia io che mia sorella, quindi non si percorreva il sentiero che troverete qui di seguito, ma per me questa passeggiata ha comunque un valore affettivo; ripercorrerla è stato un po’ come tornare bambina e ho finalmente “scoperto” cos’erano le irraggiungibili Batterie di cui tanto mi parlavano, ma che potevo vedere soltanto dal traghetto che ci riportava a casa. Ho capito anche perché non ci siamo mai avventurati su quel sentiero; dal Corpo di Guardia in poi non è adatto né a bambini né ad adulti che soffrono di vertigini. Il sentiero non è difficoltoso, ma in molti tratti è attrezzato con catene per passaggi su rocce scivolose e parzialmente esposte. Tenetene conto se deciderete di affrontare questo trekking.

IMG_20171006_103859

Accesso:  uscita autostradale di Recco; seguire la statale in direzione Camogli e, dopo aver superato il paese, proseguite in direzione Santa Margherita; prima della galleria svoltate a destra in direzione San Rocco di Camogli. Troverete un grande parcheggio (a pagamento) dove lasciare l’auto.

Difficoltà: facile (fino al Corpo di Guardia) – facile ma con tratti attrezzati e parzialmente esposti (dal Corpo di Guardia a San Fruttuoso)

Dislivello: circa 400 m

Tempo di percorrenza: 45 min fino alle Batterie – 2.30 (solo andata) fino a San Fruttuoso – in entrambi i casi se non tornate dallo stesso sentiero il tempo di percorrenza è vincolato alle tempistiche del traghetto e alla scelta del sentiero.

20170924_184452~2

Itinerario di andata:

Lasciate l’auto nel parcheggio e dirigetevi verso il paese a fondo strada. Una volta raggiunta la piazza della chiesa tenete la sinistra costeggiando la chiesa; troverete la palina del Parco di Portofino con le prime indicazioni. Proseguite sulla strada pedonale in direzione del piccolo bar panoramico, seguendo le indicazioni S. Fruttuoso – via Passo del Bacio ●●. Raggiungerete una casa rosa, con una scalinata che scende a destra, ignorate le scale e proseguite restando sulla strada pedonale con ●●. Oltrepassate il piccolo abitato di Mortola e proseguite. Arriverete ad un ponticello in pietra con una fonte sulla sinistra, qui la strada diventa sentiero.

Proseguite seguendo le “scale” che salgono. Al bivio che incontrerete poco dopo proseguite dritti sul sentiero principale, seguendo sempre segnaletica  ●●. Il sentiero è interamente nel bosco e continuerà a salire fino ad una piazzola panoramica, dove troverete una scala in legno che scende e subito un bivio.

20170924_121927~2~2

Restate sul sentiero che prosegue in piano a sinistra e proseguite fino alla Piazzola Artiglieria ContraereaBatteria 202°. Poco più avanti incontrerete Il Corpo di Guardia: ristrutturato e adibito a Centro Visite del Parco, con piccolo ufficio informazioni, la possibilità di avere un caffè e di utilizzare l’area pic-nic.

20170924_122619~2

Spendete del tempo per dare un’occhiata attorno.

Se siete interessati alle Batterie, potete fare una deviazione lungo il sentiero per Punta Chiappa – Porto Pidocchio ( segnaletica tre bolli rossi )  che troverete davanti al Corpo di Guardia.

20170924_184506~2

20170924_122946~2

20170924_122746~2

Se non volete ritornare dallo stesso sentiero dell’andata, ma godervi comunque il mare, potete usare questo sentiero come via di ritorno; vi porterà fino alla scogliera di Punta Chiappa, e proseguendo al piccolissimo porticciolo di Porto Pidocchio. Da qui avrete due possibilità di ritorno: il sentiero che risale verso S. Rocco o il traghetto per Camogli, ma ve lo raccontiamo nel dettaglio più avanti.

Se volete proseguire fino a S. Fruttuoso ricordatevi quello che vi abbiamo detto poco fa, il sentiero non è difficoltoso ma dalle Batterie in poi troverete spesso tratti attrezzati con catene, su rocce scivolose e a tratti esposte. Valutate bene, soprattutto se avete dei bambini. Le rocce di questo tratto di sentiero diventano particolarmente scivolose in caso di pioggia, se non avete un passo sicuro valutate bene anche le condizioni atmosferiche.

DSC_0865~3

20170924_133129~2~2

Se proseguite troverete quasi subito il primo tratto attrezzato. Il sentiero è uno solo, indicato sempre con ●●, non potete sbagliare. Dopo un tratto in piano il sentiero inizia a scendere, verso Cala dell’Oro, per poi risalire.

 

Poco dopo aver incontrato 3 catene legate insieme sopra ad un ruscello (se c’è acqua a sufficienza), salite a zig zag seguendo sempre la stessa segnaletica (●● e freccia rossa). Una volta arrivati al Valico di Costa del Termine il sentiero inizia a scendere, sempre nel bosco. Ormai è fatta, catene e salite sono finite, dovete solo scendere al mare e godervi il sole!

DSC_0889~2DSC_0895~2

Itinerario di ritorno:

Le possibilità sono due:

  • Ritornare dal sentiero che avete fatto per raggiungere S. Fruttuoso.
  • Prendere il traghetto per Camogli – Recco (molo interno) e scendere a Punta Chiappa. Da qui prenderete poi la scalinata che vi riporterà al punto di partenza (la casa rosa che avete incontrato all’andata con la scalinata a destra che avete ignorato, sbucherete da quella scalinata).

Una volta scesi dal traghetto dirigetevi a sinistra sulle passerelle in cemento con le reti da pesca appese, e proseguite attraverso gli abitati.

DSC_0948~2~2~2

Arrivati al Ristorante Il Mulino salite per la scalinata a destra (quella di fronte all’ingresso del ristorante); sembrerà di entrare in casa delle persone ma non preoccupatevi, è la strada giusta ed è anche l’unica percorribile, non potete sbagliare. Proseguite sull’unico sentiero a gradini fino a quando non arriverete nella piazzetta della chiesa. Qui dovrete lasciarvi la chiesa sulla destra (ignorando tutte le scale che le ha accanto) e salire per la scala di sinistra (quella che vi troverete di fronte dal lato opposto da cui provenite) seguendo la segnaletica ▪ ▪ . Proseguite dritti, troverete un ponte e una fontana. Da qui in poi il sentiero torna ad essere unico, seguitelo finché non vi ritroverete sulla strada pedonale che avete percorso all’andata; una volta raggiunta girate a sinistra verso il centro abitato e, se avete voglia e tempo, gustatevi un meritato aperitivo nel piccolo bar con vista che avete già incontrato sulla pedonale.

DSC_0031

Per maggiori informazioni su Le Batterie:   

http://www.parcoportofino.com/parcodiportofino/it/batterie__punta_chiappa.page#.WddSbjDOPIU

Per info sul Parco di Portofino:  http://www.parcoportofino.com

Per orari e informazioni sulle tratte dei traghetti: http://www.golfoparadiso.it

 

Se sei alle prime esperienze di trekking possono interessarti questi consigli:

Cosa vuol dire fare trekking – Dislivello e difficoltà – Una notte in Rifugio – Una notte in BivaccoViaggi in trekking

 

Autore: Giorgia Ricotti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...