La Via del Sale

Un cammino di vita

Per noi che abitiamo in Oltrepo questo cammino sulle antiche mulattiere di crinale ( le Vie del Sale o del Mare che dir si voglia ) che collegano la Pianura Padana alla Riviera Ligure, attraversando l’Appennino, sono un must. Ogni escursionista oltrepadano che si rispetti deve averla almeno nella sua Bucket List. Io per prima sono cresciuta con l’idea che “..un giorno dovrò fare la Via del Sale!” come se fosse una sorta di rito di passaggio. Ecco.. adesso che sono grande, e faccio trekking da anni, ho capito che questo splendido cammino non lo voglio fare come se fosse una prova o una dimostrazione delle mie capacità, ma lo voglio fare con lo spirito con cui faccio ormai ogni cosa: voglio vivermi il viaggio, in questo caso il cammino. Non critico assolutamente chi cerca la performance, la sfida o l’avventura incosciente, dico soltanto che io la voglio affrontare in modo diverso, cioè camminando lentamente e consapevolmente, prendendomi tutto il tempo necessario per godere a pieno dei panorami e delle atmosfere di questo affascinante cammino.

ebro

Io forse ho un motivo in più per affrontarlo in modo diverso. Un anno fa ( il 1 Aprile 2017 per la precisione ) mentre guardavo l’alba della mia nuova vita sulla cime del Monte Ebro, ho capito che ero stanca di correre e di non avere mai tempo per nulla. Guardando i profili di quelle cime ho promesso a me stessa che, il giorno in cui avrei percorso quel cammino, sarebbe stato per imparare qualcosa. Cos’ho imparato quel giorno? Che non c’è buio che non può essere illuminato. Cosa cerco tra queste mulattiere? Il coraggio necessario per realizzare un sogno, perché in questo anno di nuova vita ho capito che non basta trovare la propria strada, ma bisogna anche avere il coraggio di percorrerla. La Via del Sale sarà, per me ( e spero anche per voi ) un cammino di trasformazione. Una sorta di piccolo Cammino di Santiago, in cui ogni passo ti avvicina a te stesso.

DSC_0221

Cos’è la Via del Sale

E’ un trekking che porta con se un passato importante. Come dice il nome stesso, Via del Sale, era l’antico cammino attraverso cui questo bene prezioso veniva trasportato dal mare alla pianura attraverso l’Appennino. Queste mulattiere di crinale ripercorrono l’antico cammino utilizzato dai mercanti e, camminando di cima in cima, attraverserete anche voi questo antico sentiero. Il cammino completo va da Varzi a Portofino, ma esistono diverse varianti in discesa verso il mare e si possono raggiungere anche Sori, Recco, Camogli, e Santa Margherita Ligure. E’ lunga circa 85 km, ha un dislivello in salita di circa 3600 m e un dislivello in discesa di circa 4000 m. A seconda della destinazione finale che avete scelto saranno necessari 3 o 4 giorni di cammino.

copertina

Cosa ci aspetta

Cartina_via_del_sale.jpegSfatiamo il mito ( come troverete in molti blog e recensioni ) che la Via del Sale è un cammino per tutti. Certo, se avete alle spalle la GTA o il Cammino di Santiago, questa è una passeggiata di salute; se invece non siete escursionisti con un minimo di allenamento e siete semplicemente abituati alla passeggiata della domenica, ecco.. sarà necessaria un po’ di preparazione fisica.

Uno perché, ad esempio, la prima tappa del tour completo di 4 giorni è di 1460 m di dislivello  ( e le successive non sono da meno ), due perché dovrete camminare per almeno 20 km al giorno, e terzo perché avrete uno zaino sulle spalle per tutto il tempo. La segnaletica è buona e il tracciato è agevole, composto principalmente da ampi sentieri o strade sterrate.

1° TappaVarzi – Capanne di Cosola

Partenza da Varzi, nei pressi del ponte sullo Staffora.  Si parte subito strong con una faticosa salita tra i boschi, seguita da una strada (asfaltata) di cresta che vi metterà a dura prova le ginocchia ma vi darà un assaggio dei panorami che incontrerete lungo questo cammino. Attraversato l’abitato di Castellaro si prosegue seguendo il segnavia verso il Monte Bogleglio. Da qui inizia un saliscendi che, attraverso diverse cime minori, porta al Monte Chiappo per poi scendere finalmente a Capanne di Cosola.

Totale ore di cammino (con passo medio): 8

Dislivello complessivo:  1479 m in salita e 400 m in discesa

Pernottamento a Capanne di Cosola www.capannettedicosola.it

Nota: noi, per il principio che vogliamo goderci il cammino, non partiremo da Varzi ma da Castellaro per ridurre il dislivello ed evitare la stancante strada asfaltata.

2° Tappa: Capanne di Cosola – Torriglia

Partenza da Capanne di Cosola in direzione Monte Legnà. Da qui si scende lungo lo spariacque tra Boreca e Borbera. Si Raggiunge il Passo del Legnà e si scende fino ad incrociare l’Alta Via dei Monti Liguri. Si prosegue in direzione del Monte Antola  per poi scendere lungo colli e crinali verso Torriglia.

Totale ore di cammino (con passo medio): 8

Dislivello complessivo: 755 m in salita e 1498 m in discesa

Pernottamento a Torriglia www.bbtrepini.com

3° Tappa: Torriglia – Sori

Partenza da Torriglia e salita in direzione Passo della Scoffera. Si raggiunge Colletta di Sant’Alberto e si inizia la lunga e “precipitosa” discesa al mare, in direzione di Sori. Una volta giunti al mare sarà il momento di rientrare a casa, ma solo dopo aver mangiato la focaccia!

Totale ore di cammino (con passo medio): 10

Dislivello complessivo:  604 m in salita e 1302 m in discesa

Rientro in treno:  Sori – Voghera

sori

Se quest’estate volete accompagnarmi in questo cammino, scrivetemi (giorgia.ricotti@gmail.com) ! Non sarà un tour organizzato, ma un cammino tra persone che condividono lo stesso spirito: godersi il cammino.

 

Se sei alle prime esperienze di trekking possono interessarti questi consigli:

Cosa vuol dire fare trekkingDislivello e difficoltàDislivello e difficoltàUna notte in RifugioUna notte in BivaccoViaggi in trekking

 

Autore: Giorgia Ricotti

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Marco ha detto:

    anch’io vorrei farlo, ma per ora non mi sento pronto… mi ci vuole ancora un po’ di allenamento

    Mi piace

    1. justoncemoretravel ha detto:

      Noi stiamo pensando a settembre 2018 (credo nella prima settimana). Se pensi che ti possa interessare facci sapere 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...