Lago della Tina

Questa insolita valle della Liguria ormai per noi non ha più segreti, durante gli ultimi due inverni l’abbiamo girata in lungo, in largo e facendo ogni variante possibile e immaginabile. Questo secondo noi è uno degli itinerari migliori per poter godere di ogni bellezza di questo angolo del Parco del Beigua. E se ve lo dico ( che con il panorama ligure non ci sono mai andata particolarmente d’accordo) potete crederci! Finché non conoscerete i sentieri del Parco forse non capirete perché ho rivalutato i trekking in questa zona della Liguria; questo territorio sembra essere un mondo a parte, totalmente diverso dall’immaginario comune dell’entroterra ligure, ed appare evidente come mai sia diventato Geoparco. Canyon, gole, marmitte, cascate, curiose formazioni rocciose e siti di importanza geologica che non troverete altrove.

Se volete saperne di più sul parco, cliccate qui http://www.parcobeigua.it .

Accesso: autostrada Genova – Ventimiglia , uscita autostradale di Arenzano – Cogoleto. Al casello entrate nella rotonda e svoltate a destra in direzione Cogoleto (Savona) e imboccate la seconda strada a destra (dopo circa 500 m) seguendo l’indicazione Zona Industriale – Magazzini Coop. Scendete lungo la strada a tornanti e proseguite lungo la via Val Lerone fino all’Agriturismo Argentea. Superate il ponticello nei pressi dell’agriturismo e lasciate l’auto nel primo spiazzo a destra che troverete. Ci stanno al massimo 3 auto. Se non trovate parcheggio lì potete tornare indietro ai magazzini Coop e lasciate l’auto nel parcheggio libero che troverete nella zona industriale, percorrendo a piedi l’ultimo chilometro e mezzo di strada.

Difficoltà: E ( Escursionistico)

Nota: sono presenti diversi guadi, quindi è necessario tenere presente il livello dell’acqua del torrente e dei suoi affluenti. Sono presenti due brevi tratti attrezzati con corde per agevolare l’attraversamento del guado.

Dislivello:  400 m

Tempo di percorrenza: 4 ore (intero anello)

Itinerario:

Una volata parcheggiata l’auto (parcheggio piccolo dopo l’agriturismo) proseguite a piedi sulla strada privata che sale nei pressi dallo spiazzo (in prossimità dei ruderi della vecchia cartiera) – segnavia Ponte Negrone. Poco dopo il primo tornante della strada privata troverete, sulla destra, l’imbocco del sentiero. Proseguirete in piano fino ad un bivio, dove scenderete a destra verso il greto del torrente. Vi apparirà il curioso ponte degli scout che dovrete attraversate per proseguire sul sentiero dall’altro lato.

Oltrepassato il ponte, salite lungo il sentiero che piega a sinistra prendendo quota velocemente e raggiungendo il crocevia Loc. Case Freghee. Svoltate a sinistra ( segnavia C1) in direzione Ponte Negrone, e proseguite in piano lungo la mulattiera dell’antico acquedotto, godendovi il panorama che si apre sulla Val Lerone tra boschi e cascate.

Superate due piccoli ponti in pietra raggiungendo il primo bivio indicante Lagu da Tina – Riparo Cianella.

Se volete evitare i guadi e i tratti attrezzati, senza per altro passare dal Riparo Sambugo, seguite le indicazioni per il lago imboccando il sentiero sulla destra. Da qui in poi vi basterà seguire la visibile segnaletica per il lago.

Se invece volete divertirvi un po’, al bivio Lagu da Tina – Riparo Cianella ignorate questa indicazione e proseguite dritti verso il vicino Ponte Negrone.

Appena dopo il ponte imboccate il sentiero sulla destra ( Sentiero dell’Ingegnere – segnaletica I ) che sale lungo il costone entrando nella valle del torrente Negrone. Ignorate l’indicazione successiva per il Riparo Sambugo restando sul Sentiero dell’Ingegnere. Proseguirete sulla destra idrografica del torrente fino a raggiungere un guado che vi porterà dall’altro lato del torrente. Continuate a salire nel bosco, piegando a destra sull’unico sentiero, fino a raggiungere il guado successivo sul Rio Cu du Mundu.

Superato il guado il sentiero inizia a salire, facendo una serie di tornanti che vi fanno guadagnare rapidamente quota. In prossimità di un cartello con segnaletica I ( Sentiero dell’Ingegnere) – C5 abbandonate il sentiero dell’Ingegnere e svoltate a destra sul sentiero con segnaletica C5. Il sentiero scende fino a raggiungere il primo guado attrezzato con corda ( Rio du Mou ) e continua scendere fino al secondo guado attrezzato con corda e cavi ( Rio di Guadi ).

Risalite fino al Pose di Guadi e al bivio, se volete, fate una brevissima deviazione verso il panoramico Rifugio Sambugo seguendo l’indicazione Panca – Panorama 50 m (c’è anche la segnaletica indicante il rifugio, ma al momento è caduta e la trovate nell’erba). Se invece non volete fare la deviazione, restate sul sentiero principale seguendo la segnaletica Lago della Tina ( ignorando sia la deviazione a destra che scende leggermente, sia la deviazione a sinistra che sale). Continuate a scendere fino a raggiungere il fiume, dove troverete l’ultimo guado. Dall’altro lato del fiume troverete la deviazione, sulla sinistra, per il lago che raggiungerete in breve risalendo il torrente. [ Se al bivio iniziale avevate scelto di prendere il sentiero senza guadi, seguendo quindi le indicazioni Lagu da Tina – Riparo Cianella, arriverete a questo guado ]

Dopo esservi gustati la pace e il silenzio di quel piccolo angolo di Parco Naturale del Beigua, ritornate sul sentiero che avete lasciato alla prima pozza. Proseguite sul sentiero che sale alla vostra sinistra tornando ad essere una mulattiera in pietra. Salirete dolcemente, con ampio panorama sulla Val Lerone e sulle cascate sottostanti; il sentiero prosegue poi nel bosco, con angoli curiosi che sembrano usciti da un libro di favole. Ignorate il cartello con segnaletica Lago della Tina che troverete nel bosco e proseguite dritti fino ad un bivio con evidente segnaletica.

Siccome state percorrendo il sentiero per il lago al contrario, l’indicazione per Ponte Negrone – Area del Castagno sarà rivolta al contrario sulla palina. Ignorate la biforcazione del sentiero che vi troverete davanti in prossimità della palina e imboccate il sentiero ( ben battuto ma non si vede subito scendendo ) che scende piegando a destra.

Raggiungerete a breve la zona pic-nic dell’Area del Castagno, dove troverete anche una fonte nascosta tra gli alberi. Proseguite sul sentiero, che adesso vi indicherà Ponte del Negrone, e iniziate la rapida discesa sul sentiero a tornanti che vi riporterà nei pressi di Ponte Negrone. Tornerete al bivio iniziale che indicava Lagu da Tina – Riparo Cianella       ( quello dove avete scelto se fare i guadi oppure la via diretta per il lago). Da qui ripercorrete a ritroso il sentiero fatto fino all’auto: mulattiera del vecchio acquedotto – al bivio Case Freghee scendendo a destra seguendo Torrente Lerone C1ponte Scout – dritto fino all’auto.

Se volete farvi un’idea del percorso, guardate qui!

 

Altri itinerari nel Parco del Beigua:

Canyon della Val GargassaRifugio ArgenteaI dintorni del Bric del DenteMonte ReixaMonte Rama

Se sei alle prime esperienze di trekking possono interessarti questi consigli:

Cosa vuol dire fare trekkingDislivello e difficoltàDislivello e difficoltàUna notte in RifugioUna notte in BivaccoViaggi in trekking

 

Autore: Giorgia Ricotti

10 commenti Aggiungi il tuo

  1. iamtheoddnumber ha detto:

    Vi seguo con piacere perchè fornite sempre un sacco di spunti interessanti!!
    …e mi segno anche questo trekking!

    Piace a 1 persona

    1. justoncemoretravel ha detto:

      Siamo contenti ☺ l’obiettivo è proprio quello: dare spunti per fare lo zaino e andare a scoprire posti nuovi!!

      Piace a 1 persona

  2. Djscanf ha detto:

    che luogo incantevole, complimenti per la scelta.
    Eravate tantissimi, è sempre un piacere condividere le uscite con altri appassionati!

    Piace a 1 persona

    1. justoncemoretravel ha detto:

      Sì, eravamo tantissimi! Esatto, la cosa bella è che si condivide non solo la strada, ma anche emozioni, esperienze, idee e voglia di fare ☺

      Mi piace

  3. alessandria today ha detto:

    L’ha ribloggato su Alessandria today.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...