Anello della Valchiusella

Ancora poco conosciuta e ben lontana dal turismo, la Valchiusella è un luogo sospeso in un tempo che fu. Un luogo in cui case e persone sembrano non curarsi del tempo che scorre, e con una costanza disarmante ti obbligano ( in senso buono ) ad entrare in quel mondo dal tempo sospeso, totalmente fuori da ogni frenesia. Fondo è così, un paesino di poche anime che ancora resistono in quella splendida valle, e che al tuo pensiero “..complimenti per il posto, è davvero bello!” con un sorriso appena accennato rispondono “.. grazie, ma non l’ho fatto io!”.

1

Accesso: Si raggiunge la piccolissima Fondo, ultimo paese della Valchiusella raggiungibile in auto. Uscita autostradale Ivrea, seguire le indicazioni per Valchiusella – Traversella e poi Fondo.

Difficoltà: E ( Escursionistico)

Nota: in prossimità di Borgata Pasquere sono presenti alcuni guadi, quindi è necessario tenere presente il livello dell’acqua dei torrentelli che affluiscono al torrente Chiusella.

Dislivello:  410 m

Tempo di percorrenza: 3 ore (intero anello)

20180608_112924

Itinerario:

Si lascia l’auto accanto al suggestivo ponte romanico, unico accesso al paesino di Fondo. Il ponte è percorribile solo a piedi e, salendo e scendendo dalla tipica “schiena d’asino” in pietra, si ha la sensazione di entrare in un mondo che ancora resiste allo scorrere del tempo. In prossimità dell’area pic-nic troverete la segnaletica riassuntiva dei sentieri percorribili in valle. Imboccate il sentiero 708 – GTA in direzione Tallorno, altro incantevole borgo che fa capolino tra boschi incantati e prati fioriti. Il sentiero sale dolcemente costeggiando il torrente, attraversa le frazioni di San Bernardo, Ghiard, Armitta e San Rocco. Non potete sbagliare strada, c’è un unico sentiero che conduce a fondovalle ed è una sorta di mulattiera in sassi, molto spesso delimitata da muretti a secco o recinzioni.

Alle porte di Tallorno troverete di nuovo la palina segnaletica, proseguite sempre sul sentiero 708 in direzione Alpe Ghiun – Bocchetta delle Oche continuando a salire in mezzo alle case in pietra diroccate. Dopo aver oltrepassato le prime case di Tallorno, troverete un ponte in ferro che vi porta in centro paese.

5

Qui avete due possibilità:

  • Abbandonare il sentiero da cui provenite, svoltando a sinistra attraversando il ponte. Vi troverete ai piedi della piccola chiesa della Madonna della Neve. Da qui potete fare ritorno a Fondo attraverso la strada battuta che utilizzano gli abitanti della valle per raggiungere le abitazioni. La strada non è suggestiva come il sentiero che avete appena percorso, ma vale la pena percorrerla per raggiungere le splendide cascate che incontrerete poco più a valle. Percorrete la strada battuta in discesa fino ad incontrare un grosso ponte in legno e acciaio, costruito sulla cascata più a valle della lunga serie delle Cascate di Fondo. Una volta sul ponte potrete godervi lo spettacolo delle cascate, sovrastate dal piccolo ponte romanico in pietra (percorribile con una deviazione minima che troverete ai lati del ponte principale).

Per ritornare alla macchina proseguite lungo la strada fino a raggiungere la sbarra di chiusura al traffico, oltrepassatela e proseguite fino al parcheggio.

  • Se invece volete rendere l’uscita un po’ più interessante, potete fare un anello più lungo. Al bivio, invece di girare a sinistra sul ponte, proseguite sul sentiero che sale: 708 – GTA direzione Alpi Pasquere. Salirete dolcemente tra curiosi passaggi sotto le rocce, prati fioriti e cascate. Man mano che salite il sentiero si fa meno evidente, ma è ben evidenziato da segnavia bianco e rosso orizzontale. Incontrerete alcuni guadi, e poi una breve salita vi porterà alle case della Borgata Pasquere.

Da qui potete proseguire a vostro piacimento lungo la GTA oppure fare ritorno attraverso lo splendido ponte in pietra che vi riporta alla sterrata proveniente da Tallorno. Scendete appunto lungo la strada che vi porterà prima a Tallorno e poi a Fondo.

10

Come vi abbiamo detto prima, incontrerete le splendide Cascate di Fondo lungo in vostro cammino di rientro.

Se volete un’aneprima del trekking, guardate il video

Fate una tappa al bar ristorante di Fondo, almeno per un caffè, è un vero e proprio viaggio nel tempo!

 

Vi consigliamo di farci un salto in autunno, è un incanto!! Date un’occhiata qui Autunno in Valchiusella.

 

Se sei alle prime esperienze di trekking possono interessarti questi consigli:

Cosa vuol dire fare trekkingDislivello e difficoltàDislivello e difficoltàUna notte in RifugioUna notte in BivaccoViaggi in trekking

 

Autore: Giorgia Ricotti

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Djscanf ha detto:

    bellissime foto, deve essere un posto davvero incantevole!

    Piace a 1 persona

    1. justoncemoretravel ha detto:

      Sì decisamente. Poi in autunno sembra di camminare in un libro delle fiabe!!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...