Ponta de São Lourenço

Quando arriverete a Madeira ( nuvole permettendo ) vi accorgerete subito che questa lingua di terra, su cui sorvolerete in fase di atterraggio, ha qualcosa di interessante. La Penisola di San Lorenzo o Ponta de São Lourenço, non solo è una dei luoghi più colorati dell’isola, ma è anche uno dei trekking più belli che troverete a Madeira! Racchiude in sé meraviglie naturali di ogni genere: faraglioni dai mille colori, uova di pietra, animaletti dai colori sgargianti e piante dai profili curiosi. Sentieri scenografici a picco sul mare capaci di meravigliare e togliere il fiato, che al tramonto si colorano di un rosso incandescente. Una sorta di Enrosadira tropicale, che accende i profili tortuosi e scalda il cuore.

Accesso: da Machico prendere la VR 1 in direzione Caniçal. Raggiunta la Zona Franca seguite per Ponta de São Lourenço imboccando la ER109. Lasciate l’auto nel parcheggio a fine strada.

Tempo: 3 ore ( intero anello )

Lunghezza: 7,6 km

Difficoltà: facile. Dislivello minimo. I tratti esposti sono dotati di corrimano.

20180620_204751
tratta da Madeira – Rother Walking Guide di Rolf Goetz

Imboccato l’evidente sentiero che scende nella piccola valle davanti alla capannina informativa ( direzione Cais Do Sardinha ) e percorretelo risalendo fino alla sella; da qui potrete intravedere “Il Forato“, la scogliera in fondo alla penisola che con l’erosione presenta ormai un foro che crea un arco di pietra.

Oltrepassata la sella il sentiero prosegue con sali-scendi fino al primo punto panoramico del trekking: una balconata su faraglioni rossi e neri dalle forme davvero curiose. Sembrano lingue di fuoco che spuntano dal mare in tempesta ( perché è Oceano, ed è sempre in tempesta secondo i nostri canoni ), dall’apparenza fragile ma dall’anima possente. Scure e cupe all’ombra delle scogliere, vive e lucenti alla luce del tramonto. Se alzate lo sguardo verso la scogliera vi sembrerà di avere davanti un quadro astratto che, con il suo susseguirsi di rocce perfettamente allineate dai colori che virano dal rosso scuro al giallo, sembra prendere vita con le sue onde sinuose.

Risalite il versante, godetevi il panorama e il rumore delle onde sulla panchina in pietra che incontrerete sul cammino ( ne vale la pena! ) e poi ripartite verso la ripida ma breve scalinata che vi porterà in cima al primo Pico. Non fatevi scoraggiare, altre meraviglie vi aspettano! La fatica sarà subito ripagata con una tavolozza di colori così caldi da aprire il cuore, e la brezza di mare vi accarezzerà dolcemente. Ci siete, avete raggiunto il secondo punto panoramico.

Da qui in poi è pura meraviglia nascosta dietro ad ogni angolo, e ad ogni sguardo. Il sentiero prosegue più dolcemente, con vedute da urlo su scogliere “striate” e sentieri a picco sul mare. Oltrepassate la scogliara di Abra Bay e scendete nella verde piana verso Casa Do Sardinha.

Ai confini del verde si apre un anello ( che inizierete tenendo la sinistra aggirando la Casa ) che vi permetterà di raggiungere Morro Do Furado, ultimo punto dell’isola raggiungibile a piedi. Salite per il poco agevole sentiero di terra rossa che vi porterà in cima ai 160m del Pico Do Furado, terzo e ultimo punto panoramico di questo colorato trekking. Troverete ad aspettarvi Ilhéu Do Farol ( Isoletta del Faro ), ultimo lembo di terra di Madeira, e il punto di vista migliore per gustarsi Ponta de São Lourenço!

Scendete dalla scogliera di Morro Do Forado, tenete la sinistra e raggiungete Casa Do Sardinha per una sosta nell’area pic-nic in stile oasi tra palme e terra rossa. Troverete servizi igienici, bidoni per la spazzatura, tavoli e panche, tabelloni illustrativi con informazioni su piante e animali autoctoni. Se volete potete scendere al mare alla Cais Do Sardinha dove, mare permettendo, potete mettere i piedi a bagno. Proseguite poi sul sentiero che si ricongiunge alla via del ritorno, cioè il sentiero che avete fatto all’andata.

Per saperne di più: Madeira: l’isola dai mille colori

Trekking a Madeira: istruzioni per l’uso – Madeira: cose da sapere prima di partire

 

Se sei alle prime esperienze di trekking possono interessarti questi consigli:

Cosa vuol dire fare trekkingDislivello e difficoltàDislivello e difficoltàUna notte in RifugioUna notte in BivaccoViaggi in trekking

 

Autore: Giorgia Ricotti

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. djscanf ha detto:

    che colori particolari e stupendi!

    Piace a 1 persona

    1. justoncemoretravel ha detto:

      Già! E ti assicuro che non sono modificati in post produzione ☺

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...