Predjamski Grad

Volevate sapere se la foto che ho postato sulla nostra pagina Facebook era vera oppure un no?

Eccovi accontentati! Ebbene è tutto vero. Nessun ritocco, nessun copia-incolla, niente di niente. Solo tanta bellezza, nata unicamente dalla genialità del suo costruttore. Se siete già stati almeno una volta in Slovenia vi sarete accorti dei numerosi castelli sparsi un po’ ovunque tra i boschi, e delle altrettanto numerose grotte che si nascondono su questo territorio carsico. Il Castello di Predjama ( come in parte racconta il suo nome ) è una perfetta e alquanto insolita combinazione di entrambe le cose: un castello, in una grotta. Suggestivo di nome e di fatto, perché oltre alla cornice naturale, alle sue “spalle” si nasconde una storia altrettanto unica e curiosa. Leggenda narra che Erazem Lueger, una sorta di Robin Hood sloveno, si fece beffa dei soldati che assediavano il castello gettando loro ciliegie fresche che raccolse grazie ad un passaggio segreto.

Salendo lungo la pittoresca strada che porta all’ingresso del castello, la domanda che sorge spontanea è una sola: ma come gli è venuto in mente di farlo lì? Costruito all’imbocco di un’enorme caverna, a “mezzaria” su una parete rocciosa alta più di 120 m, sembra nascondere insegnamenti di ingegneria e strategia militari di alto livello. Più lo si osserva per cercare di carpirne i segreti, e più ci si convince ( anche se l’ingegneria edile non è materia di tutti ) di una cosa soltanto: era una fortezza inespugnabile.

Nonostante i quattro piani del castello siano stati costruiti in periodi differenti ( a partire dal 1202 ), la maggior parte della struttura risale al XVI Secolo. Ben conservato anche all’interno, con mobilio restaurato e alcune ricostruzioni, è dotato di tutte le caratteristiche tipiche della fortezza: ponte levatoio, feritoie per l’olio bollente all’ingresso, torre di guardia, una prigione sotterranea umida, buia e con attrezzi di tortura, una cassa del tesoro ( ritrovata solo nel 1991 nelle buie cantine ) e un’inquietante nascondiglio all’ultimo piano del castello, detto Tana di Erazem. Insomma, la gioia di grandi e piccini!

Ma chi era questo Erazem? Praticamente un mito d’altri tempi. O il Robin Hood slavo, se preferite. Erazem Lueger aveva una sorta di doppia vita: barone e bandito. Nel XV Secolo si guadagnò la sua fama rubando ai ricchi per dare ai poveri e, alleato con gli ungheresi durante la guerra contro gli austriaci, continuò a compiere le sue mirabolanti gesta utilizzando un passaggio segreto che gli consentiva di uscire dalla parte posteriore dell’imponente parete di roccia. Anche quando ( nel 1484 ) l’esercito austriaco mise sotto assedio la fortezza, nessuno riuscì ad entrare o a scalfirne la struttura; ed è in questa occasione che il barone si prese gioco degli invasori lanciando loro ciliegie mature, solo per dimostrare che poteva entrare ed uscire indisturbato dal castello in completa sicurezza e a suo piacimento. Ma come direbbe una mia cara amica in modo poco elegante “Il Karma prima o poi ti morde il culo..” e anche il povero Erazem fu vittima della sua spavalderia. Si dice che alla fine venne colpito da una palla di cannone austriaca proprio mentre era seduto al gabinetto.. Terminò così miseramente la sorte di un uomo, che fece tanto per il suo popolo, ma che non fu capace di tenere a bada la sua boria.

La grotta situata sotto il Castello di Predjama è quella di cui si serviva il barona. Seconda solo alla vicina e famosissima Postumia, è in realtà una rete di gallerie lunga circa 14 km che la rende la seconda grotta ( per estensione ) più grande della Slovenia. Oggi può essere visitata ( mi toccherà tornarci! ) da maggio a settembre – in inverno resta chiusa per non disturbare la colonia di pipistrelli in letargo che vi abita. La grotta non è dotata di un impianto di illuminazione elettrica, prima di entrare riceverete una torcia frontale dai ragazzi della vigilanza; ovviamente, a differenza della visita al castello, per la visita alla parte turistica della Grotta è necessario un abbigliamento adeguato. Per saperne di più https://www.postojnska-jama.eu/it/informazioni/ .

Dove si trova?

Nascosto tra i boschi sloveni, a circa 9 km dal colosso turistico Postojna Jama ( o Grotte di Postumia ). Ricordo ancora quando abbiamo scoperto della sua esistenza: poche idee ma confuse, nessuna indicazione  stradale precisa e, all’arrivo, un dubbio amletico che ci colse “ma sarà aperto??”. Immagino che ormai sia diventato meta turistica anche questo castello, non al pari delle Grotte di Postumia ma la voce si sarà diffusa, però vi assicuro che al nostro arrivo non c’era praticamente nessuno ( per questo il dubbio ). Giusto per darvi un’idea dell’affluenza turistica di allora: la ragazzina in biglietteria stava leggendo un libro, al nostro arrivo quasi non si è accorta di noi e imbarazzata per l’accaduto ci ha fatto capire che con quel biglietto potevamo fare quello che volevamo.

In auto: che sia la vostra o a noleggio, dovrete raggiungere prima Postumia ( troverete le indicazioni Parco delle Grotte di Postumia ) tramite autostrada A1 da Lubiana, ( uscita n.41 Postumia ). L’uscita è vicinissima, a soli 2 km dal Parco, e da Lubiana impiegherete circa 1 ora.  Predjama Map

Poi come vi dicevo prima, il Castello di Predjama dista 9 km da Postumia. E non volete spostare l’auto dal parcheggio di Postumia, potete prendere la navetta gratuita.  Postojna Map

In autobus: i collegamenti extraurbani sono disponibili presso la stazione degli autobus di Postumia in centro città – da Lubiana a Postumia ci sono collegamenti ogni ora. I bus locali ( da Postumia città ) vi porteranno fino alla stazione degli autobus del Parco, che si trova nel parcheggio davanti alle Grotte di Postumia. Poi dalle Grotte di Postumia al Castello di Predjama potete utilizzare il bus navetta gratuito.

Orari bus https://www.postojnska-jama.eu/assets/Uploads/attachments/Avtobusni-vozni-red-zimski-2018.pdf.

In treno: con il treno potrete arrivare direttamente a Postumia città. La linea ferroviaria Vienna-Venezia che attraversa Postumia offre collegamenti per Zagabria, Salisburgo, Fiume e Capodistria. Per raggiungere il Parco dovrete prendere il bus, e poi il bus-navetta gratuito per il Castello di Predjama.

Orari treni http://www.slo-zeleznice.si/en/passenger-transport/timetable .

In aereo: l’aeroporto più vicino si trovano a Lubiana. Da qui poi dovrete arrivare a Postumia utilizzando i mezzi pubblici che vi ho appena descritto o noleggiando un’auto.

Quanto costa?

Se venite da Postumia e già sapete che volete visitare anche il Castello di Predjama, potete fare il biglietto cumulativo per risparmiare qualcosa su entrambi i biglietti di ingresso ( 31€ entrambi – 19€ ridotto ). Nei mesi estivi – Luglio e Agosto – è anche disponibile un bus-navetta che vi porterà al castello direttamente dal parcheggio delle Grotte di Postumia; se avete il biglietto cumulativo la corsa è gratuita. Se invece volete visitare soltanto la fortezza il costo del biglietto è di circa 11€ – 7€ ridotto.

Troverete tutte le info aggiornate qui https://www.postojnska-jama.eu/it/castello-di-predjama/ .

Se volete sentirvi un po’ banditi anche voi e siete in grado arrampicare, potete provare la visita dello stretto Passaggio di Erazem. Ovviamente è possibile solo con la visita guidata, che va prenotata almeno 3 giorni prima, e il costo non è incluso nel biglietto di ingresso ( costa dai 25€ agli 80€ – per info https://www.postojnska-jama.eu/it/attrazioni-nel-parco/visite-davventura/  ).

Quando andare?

Il castello è accessibile praticamente tutto l’anno ( è chiuso solo il mese di Dicembre ), e come per il Lago di Bled o i Laghi di Plitvice della vicina Croazia, lo spettacolo è assicurato in ogni stagione!

Curiosità

Cavalieri per un giorno: oltre ad avere la possibilità di percorrere l’armeria, di vedere la tetra e lugubre stanza delle torture e di scoprite il fascino della vita medievale in genere, alcuni giorni all’anno potrete prendere parte alle rievocazioni storiche o alle manifestazioni in costume che si tengono al castello. La soffitta del castello, oltre alla meravigliosa vista sulla valle, vi offre una ricca collezione di armi medievali e di armature, da lance e alabarde, a spade, martelli, archi e balestre.

Cinema: Il Castello di Predjama è stato più volte protagonista di numerosi documentari. Con la sua curiosa struttura, è riuscito a conquistare anche George R. R. Martin ( autore della famosa serie televisiva Il trono di Spade ) e lo staff del Discovery Channel ( che pare abbia scoperto anche la presenza di spiriti ).

Guinnes World Record: ultima, ma non meno interessante, curiosità su questo luogo è che detiene un posto nel prezioso librone dei record! E’ infatti il castello nella grotta più grande al mondo.

 

Autore: Giorgia Ricotti

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...